archivio

blog

Per il mio 18 esimo compleanno ricevetti da una cara amica di mia nonna Maria Teresa Avanzi Dissette, una lettera di buon augurio.
Si chiamava Karin Sauter e firmava anche suo Marito Raimondo.
Ogni anno a Maggio venivano in Italia con il Camper e si fermavano in Giardino 2 giorni circa.
Andavano a Terracina e ritornavano quando in Settembre era ora di tornare a Monaco.

Io vorrei ritrovarla ma non riesco a rintracciare il numero di telefono,
Cercherò i figli.

Grazie Karin e raimondo per i 10 marchi tedeschi e i 10 dollari americani.

IMG_0621
Sono molto contenta di un fatto semplice ma per me significativo.
Da tempo mi accorgo di non ricordare bene di cose che mi interessano,
che leggo o vedo.

Ho paura che il “germe grigio”*, si stia insinuando.
Sguardo all’orizzonte, voce che mi chiede “Dove sei?”.

(…)

Ieri ho comprato un libro d’impulso alla Mondadori, I MEDICI NAZISTI di Robert Jay Lifton,
ho letto un paio di pagine e l’ho portato a casa.

Nella prefazione l’autore spiega come mai abbia voluto intraprendere questa
ricerca e racconta le obiezioni che ha incontrato delle persone che ritenevano
che “analizzare i motivi più profondi del male” potesse essere una forma di “comprensione/perdono”
verso gli orrori compiuti dagli scienziati al servizio di Hitler.

“Non è affatto così”, ribadisce l’autore.

IMG_0620

Da questo momento ho abbassato il libro e ho visto tre lampi.
Collegamenti di film visti e poesie lette.
Stesso Periodo, stesso dolore, stessa forza: La Verità, La Libertà e La Vita:

HANNA ARENDT, Un film di Margarethe von Trotta – 2012
 allego la meravigliosa scena finale: https://www.youtube.com/watch?v=PEFP73paZ-I

ADAM RESURRECTED, Un film di Paul Schrader – 2009
Allego trailer: https://www.youtube.com/watch?v=z1Fhlb6qzTw

Zuzanna Ginczanka,  Poetessa 1917 – 1945
Poetessa illuminante vissuta tra le due guerre >
 https://www.youtube.com/watch?v=7tZJOqiKSvY

Se volete indicarmi altri lampi, sarei ben lieta di segnarmi i suggerimenti.
Grazie.

Da tempo osservavo questi tratti su carta.
Carta così piena di colore da bucare il foglio e passare su tavola, sedie e vestiti.
Bianchini è un artista intenso in continua sperimentazione: dallo studio del vero all’espressionismo più primitivo.
anche un po’ Ready Made” e anche “Ready a metà” a volte,
ma l’arte è arte se emoziona
e io, da mamma, mi commuovo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: